Comunicato stampa - FSEA

img fseaComunicato stampa – Zurigo 20 marzo 2014

Sessione primaverile: divergenze relative alla Legge sulla formazione continua LFCo

Il Consiglio nazionale mostra i denti di fronte alla LFCo

Il Consiglio nazionale ha dibattuto il 18 marzo sulle divergenze sulla Legge federale sulla formazione continua (LFCo). L’articolo sulla promozione dei progetti, che per la Federazione svizzera per la formazione continua (FSEA) riveste un’importanza capitale, è stato respinto. Il Consiglio ha inoltre respinto l'articolo che prevede che i datori di lavoro debbano assicurare la promozione della formazione ai propri dipendenti.

 

Nel corso della sessione del 18 marzo il Consiglio nazionale ha dibattuto in merito alle divergenze espresse in seguito alla sessione del Consiglio degli Stati tenutasi il 5 marzo 2014. L’articolo riguardante la promozione dei progetti (articolo 11, paragrafo 2), che permetteva al governo federale di gestire i contributi ai progetti di sviluppo e di promozione della formazione continua è stato definitivamente respinto. Nonostante il Consiglio nazionale si fosse preannunciato in favore dell’articolo nella sessione invernale, nella seduta del 18 marzo ha seguito l’esempio del Consiglio federale opponendosi. Senza quest’articolo sarà difficile mettere in atto i progetti e le campagne di promozione della formazione continua. Per la FSEA questa decisione è totalmente incoerente e deludente.

Il libero accesso alle informazioni e all’orientamento in ambito di formazione continua è stato respinto. Questa decisione si ripercuoterà in particolare sulla popolazione poco qualificata dal momento che si tratta di persone che già ora hanno difficoltà a seguire delle formazioni continue cosa invece che non accade per le persone che già posseggono un diploma. Inoltre, il Consiglio ha approvato una mozione di minoranza scartando l’articolo che imponeva ai datori di lavoro di facilitare l’accesso alla formazione ai propri impiegati.

Alcune raccomandazioni della FSEA sono integrate nella LFCo

Nonostante le amare delusioni la FSEA è contenta che il governo federale e i Cantoni abbiano, nella LFCo, deciso di incoraggiare la permeabilità del riconoscimento delle esperienze acquisite a livello academico come pure la promozione delle competenze di base degli adulti, nonché il sostegno delle organizzazioni mantello.

Maggiori informazioni sulla LFCo 

Curia Vista

Contatto autore: André Schläfli, direttore FSEA, 044 319 71 60
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Contatto per i media: Esther Derendinger, responsabile PR & Comunicazione, 044 319 71 67
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FSEA – L’Associazione mantello della formazione continua La FSEA è l’associazione mantello della formazione continua in Svizzera. La Federazione ha un segretariato in ognuna delle tre regioni linguistiche. Il presidente della Federazione è Rudolf H. Strahm mentre la direzione operativa è affidata ad André Schläfli. La FSEA comprende più di 600 membri che sono prestatari privati e pubblici di formazione continua, persone singole, federazioni e dipartimenti di formazione continua delle imprese. Annualmente, in queste istituzioni, i corsi di formazione continua sono seguiti da circa 1,6 milioni di persone. La FSEA s’impegna in favore di un sistema di formazione continua efficace e duraturo. Sostiene la messa in rete dei suoi membri attraverso progetti nazionali e internazionali, conferenze e giornate informative. La FSEA s’adopera anche per un maggiore livello di offerte in Svizzera. La formazione continua è importante: per ogni persona che desidera sviluppare le proprie competenze personali e professionali e per la società che è costituita da individui curiosi, qualificati e flessibili.