Comunicato stampa del Dipartimento delle finanze e dell'economia - sezione del lavoro

tiuffmisattDFE - Rapporto d'attività 2012 della Sezione del lavoro e risultati semestrali delle misure di rilancio dell'occupazione L-rilocc.

Oltre 74'500 colloqui di consulenza; 15'199 proposte di

lavoro su un totale di 2'329 posti vacanti acquisiti; 10'237 decisioni di misure attive LADI (corsi di formazione, programmi occupazionali, ecc.); 1'733 misure cantonali L-rilocc e più di 7'000 decisioni di sanzione contro comportamenti abusivi.
Queste, in estrema sintesi, le principali prestazioni fornite nel 2012 dalla Sezione del lavoro alle 21'758 persone in cerca d'impiego che sono state iscritte almeno 1 giorno presso gli Uffici regionali di collocamento (URC). Ogni mese gli URC hanno favorito direttamente o indirettamente il collocamento di 612 disoccupati. L'insieme delle prestazioni dell'assicurazione disoccupazione per il Ticino ha sfiorato i 263 milioni di franchi, ai quali vanno aggiunti 12 milioni pagati dal Cantone per le misure L-rilocc.

Il rapporto d'attività della Sezione del lavoro (consultabile su Internet all'indirizzo: www.ti.ch/lavoro ), rende pubblici i dati principali relativi alle prestazioni fornite dallo Stato alle persone disoccupate in Ticino, a complemento delle statistiche sulla disoccupazione che vengono pubblicate a cadenza mensile.

Persone iscritte alla ricerca d'impiego e flussi mensili.
Dal rapporto pubblicato si può osservare che il numero complessivo di persone iscritte per almeno 1 giorno presso gli URC nel 2012 è stato di 21'758 unità. Le nuove entrate in disoccupazione registrate ogni mese sono state mediamente 1'150, mentre corrispondevano a 1'096 le uscite medie mensili. La differenza tra entrate e uscite spiega quindi l'aumento del tasso di disoccupazione registrato nel corso dell'anno passato (+0.2 punti percentuali).

Consulenza, controlli e lotta agli abusi
Mensilmente, ogni consulente del personale URC ha seguito in media 107 persone iscritte al collocamento ed effettuato 64 colloqui di consulenza. Parallelamente all'attività di consulenza, sono stati effettuati gli usuali controlli per garantire il rispetto della Legge sull'assicurazione contro la disoccupazione (LADI). Controlli che hanno portato all'emissione di 7'245 decisioni di sospensione dall'indennità di disoccupazione (6.61 giorni di sospensione in media per ogni sospensione). Il tasso di persone oggetto di sospensioni si è elevato al 5,83% al mese, inferiore alla media nazionale (7.56%).

Collocamenti
Il numero complessivo di collocamenti registrati presso gli URC si eleva a 7'340 unità. Ciò significa che gli URC hanno contribuito a reinserire nel mercato del lavoro mediamente 612 disoccupati ogni mese. Una parte consistente di questi collocamenti è stata realizzata tramite proposte di lavoro (15'199 assegnazioni su posti vacanti) indirizzate alle persone in cerca d'impiego, sulle 2'329 offerte di lavoro segnalate dalle aziende. Mediamente, ogni mese, circa il 12% degli iscritti ha ricevuto una  proposta di lavoro: questa media è superiore a quella nazionale (11%).

Misure attive LADI e costi a carico dell'Assicurazione disoccupazione
Nel 2012 sono state 10'237 le decisioni di misure attive finanziate dall'Assicurazione disoccupazione a favore dei disoccupati residenti in Ticino. Esse hanno riguardato misure di formazione (7'490), misure d'occupazione (2'144) e altre misure volte a favorire l'assunzione diretta in azienda (603). Il costo globale di queste misure è stato di 29 milioni di franchi.

Globalmente, considerando anche le indennità di disoccupazione (199 milioni), le indennità per lavoro ridotto (15 milioni) ed intemperie (12 milioni), e le indennità per insolvenza (8 milioni), le prestazioni finanziarie versate dall'Assicurazione disoccupazione in Ticino hanno sfiorato i 263 milioni di franchi.

Misure cantonali della Legge sul rilancio dell'occupazione e sul sostegno ai disoccupati (L-rilocc)
La L-rilocc, entrata in vigore il 1. marzo 1998, integra e rafforza - tramite misure finanziate dal Cantone - i provvedimenti previsti dalla LADI. L'obiettivo di rilancio dell'occupazione viene perseguito incentivando la creazione di nuovi posti di lavoro e l'avvio di attività lucrative indipendenti, nonché favorendo il reinserimento di giovani al primo impiego, di disoccupati di lunga durata o che hanno esaurito il diritto alle indennità.

Grazie a queste misure (1'733 quelle concesse l'anno scorso) è stata favorita la creazione di 958 nuovi posti di lavoro, tramite l'incentivo all'assunzione, e sono state promosse 123 nuove attività indipendenti. Vanno segnalati anche i 177 sussidi versati per favorire l'assunzione di disoccupati di lunga durata ("disoccupati problematici"), nonché i 120 incentivi per il collocamento di giovani al primo impiego. Complessivamente le misure di reinserimento cantonali sono costate 10,8 milioni di franchi, ai quali va aggiunto oltre un milione per le misure di sostegno economico diretto ai disoccupati (indennità cantonali per ex-indipendenti).

Complessivamente, il numero delle misure cantonali concesse è calato del 23% rispetto al 2011. I dati ed i commenti di dettaglio (Risultati 02/2012 – Misure di rilancio dell'occupazione L-rilocc) sono disponibili sul sito internet www.ti.ch/lavoro. Le variazioni al ribasso, sono attribuibili principalmente al rallentamento generale del mercato del lavoro, iniziato nella seconda metà del 2011, e tutt'ora in corso, a seguito della nota crisi economico-finanziaria che attanaglia da tempo le principali  economie europee. Di conseguenza è diminuito il numero di posti vacanti segnalati agli Uffici di collocamento.

Conclusioni e prospettive
Malgrado il calo dovuto al peggioramento del contesto economico, il DFE legge i dati pubblicati oggi come una testimonianza dell'impegno permanente degli Uffici regionali di collocamento nel far fronte al problema occupazionale che colpisce un crescente numero di persone residenti in Ticino.

Il DFE mantiene alto il suo impegno a sostegno dell'occupazione. Al fine di analizzare l'impatto delle misure attive e trovare eventuali opportunità di miglioramento del dispositivo cantonale, nel corso di quest'anno sarà effettuato uno studio approfondito sull'efficacia delle misure L-rilocc. Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

DIPARTIMENTO DELLE FINANZE E DELL'ECONOMIA
Sergio Montorfani
capo della Sezione del lavoro
091 814 30 81